Recensione Xiaomi Yeelight, la plafoniera LED connessa

Nelle scorse ore abbiamo provato la plafoniera Xiaomi Yeelight, una lampada con 240 LED capace di illuminare a giorno anche un salotto e controllabile in tre modi diversi: con il classico interruttore a parete, con il telecomando Bluetooth incluso nella confezione oppure tramite l’app per iOS e Android direttamente da smartphone e tablet.

Com’è fatta

La plafoniera arriva a casa ben imballata all’interno di una scatola di cartone e protetta da uno spesso strato di polistirolo (1-2 centimetri) che la riveste completamente. Di forma circolare e con un design moderno, lineare e minimal, ha un diametro di 32 centimetri ed è spessa poco più di 7 centimetri, per un peso complessivo (piastra di aggancio inclusa) di circa 2 Kg.

Tutta la struttura è realizzata in alluminio, conferendogli solidità e, come scoperto durante le prove, anche un’ottima dissipazione del calore. In ABS sono invece realizzate le pinze di aggancio-sgancio rapido e la copertura opaca che protegge i 240 LED (minimo 25.000 ore di vita assicurate dal produttore) e conferisce alla plafoniera un’illuminazione omogenea oltre che priva di riflessi e abbagliamenti se guardata direttamente.

La costruzione è ottima, il metallo esterno è anche piacevole da toccare e verniciato in un verde sbiadito che si accosta visivamente molto bene in uffici e ambienti dall’arredamento moderno.

Due sono le caratteristiche che ci hanno colpito e che abbiamo particolarmente apprezzato in fase di montaggio: innanzitutto, come accennato poc’anzi, è dotata di un praticissimo sistema di aggancio che rende l’installazione della plafoniera davvero un gioco da ragazzi. Veniamo da un recente trasferimento che ci ha visti impegnati più di due giorni soltanto per il montaggio dei lampadari mentre con la plafoniera Xiaomi Yeelight è questione di 5-10 minuti.

Complice di questa rapidità, dicevamo, è nell’innovativo sistema che richiede semplicemente di spingere la plafoniera verso la piastra di aggancio. Basta farlo con decisione e due sonori “clank” confermeranno l’avvenuto aggancio delle due pinze. Per rimuoverla il procedimento è inverso: è sufficiente spingere le due leve arancioni (visibili in foto) verso il centro, quindi allontanare la plafoniera dalla piastra.

Il secondo punto a favore sta nell’assenza di fili perfino per quanto riguarda il collegamento dei due fili di alimentazione. Linea (L) e Neutro (N) devono essere infilati semplicemente negli appositi fori previo schiacciamento del relativo pulsante: quest’ultimo infatti terrà saldamente in posizione i due cavi assicurando una corretta alimentazione della plafoniera.

Come montarla

Per prima cosa, togliete corrente all’impianto elettrico. E’ consigliabile quindi lavorare di giorno o con una buona torcia a batteria.

Sganciate la piastra per il fissaggio a soffitto o a parete, quindi posizionatela dove più preferite e segnate con una matita due fori opposti. Rimuovete la piastra, armatevi di trapano e praticate un foro in ciascun punto segnato della misura sufficiente ad inserire completamente i due tasselli inclusi in confezione.

Riposizionate quindi la piastra e avvitate le due viti. Ora collegate i due cavi L e N nelle rispettive prese. Avvicinate la plafoniera fino ad agganciarla completamente.

Riattivate l’impianto elettrico: se avete collegato bene i cavi, se non ci sono guasti alla linea o alla plafoniera, vi basterà schiacciare l’interruttore che attiva il circuito per accedere la plafoniera.

Recensione Xiaomi Yeelight, la plafoniera LED connessa

Come funziona

Come dicevamo all’inizio, sono sostanzialmente tre i modi con cui si può interagire con la plafoniera Xiaomi Yeelight. Attraverso l’interruttore a parete, dando o togliendo corrente alla plafoniera si potrà perciò accendere o spegnere i LED, oppure ci sono i controlli tramite telecomando Bluetooth o via app Yeelight o Mi Smart Home.

Purtroppo non abbiamo potuto provare nessuno dei due sistemi probabilmente a causa di un guasto nel modulo Bluetooth della lampada. Lo smartphone non “vede” la plafoniera e neppure il telecomando sembra essere accoppiato: dopo averla accesa non c’è stato verso di spegnerla o regolare la luminosità o la temperatura colore tramite il telecomando, pertanto la nostra prova è limitata solo all’apprezzamento di una luce bianca neutra presumibilmente al massimo dell’intensità (dovrebbe essere questa l’impostazione predefinita della lampada).

Il telecomando incluso in confezione, alimentato da una batteria a bottone CR2032 (inclusa) è costruito molto bene, bello da toccare e da impugnare e, se funzionasse, ci permetterebbe di selezionare una temperatura colore compresa tra i 2700K e i 6500K, perciò potendo scaldare o raffreddare la luce neutra per avere un’illuminazione più calda e confortevole per il salotto o la camera da letto oppure una luce che vira sulle tonalità blu per lo studio o una cucina. Dal telecomando sarebbe anche possibile regolare la luminosità, da 0,1 lumen a 2.000 lumen, adeguando l’illuminazione in base alla stanza o all’uso che se ne intende fare.

Nella scheda tecnica della plafoniera Xiaomi Yeelight viene riportata inoltre la compatibilità Mi Band Linkage, perciò chiunque fosse dotato di uno smartband Xiaomi potrebbe automatizzare lo spegnimento della luce nel momento stesso in cui ci si addormenta. E’ inoltre compatibile con le ricette su IFTTT per poter essere così inserita negli automatismi in casa ed è certificata Alexa, quindi può essere controllata tramite Amazon Echo (supporta anche Google Home).

Recensione Xiaomi Yeelight, la plafoniera LED connessa

Come va

Per quel poco che abbiamo potuto provare, la plafoniera Xiaomi Yeelight funziona molto bene. La certificazione IP60 offre un’elevata protezione dalle infiltrazioni di polvere mentre l’illuminazione è talmente forte da poter tranquillamente illuminare a giorno una stanza di ampie dimensioni.

Noi l’abbiamo montata in garage, ma a detta del produttore può tranquillamente stare anche in un salotto di dimensioni non superiori ai 20 mq.

Recensione Xiaomi Yeelight, la plafoniera LED connessa

Conclusioni

La plafoniera Xiaomi Yeelight è un prodotto completo e che può funzionare sia in ambienti tradizionali, sia in una casa di ultima generazione dove la tecnologia Smart è il sistema di controllo principale.

Si installa facilmente, non richiede manutenzione e si controlla sia via interruttore a parete, sia col telecomando oppure dall’app. Si integra con i sistemi Google Home, Amazon Alexa e si controlla anche via speaker Echo, collabora con le ricette IFTTT e può perfino essere spenta automaticamente nel momento in cui il sistema capisce che stiamo dormendo: basta indossare uno smartband Xiaomi.

La possibilità di regolare luminosità e temperatura colore ne fanno poi un prodotto installabile in tutti gli ambienti e personalizzabile istantaneamente in base alle esigenze del momento.

Pro

  • Aggancio-sgancio rapido
  • Collegamenti elettrici senza cacciavite
  • Compatibile Amazon Alexa, Google Home e IFTTT
  • 3 sistemi di controllo (interruttore, telecomando e app)
  • temperatura colore e intensità regolabili
  • Luce potente e anti-abbagliante

Contro

  • Nessuno

Prezzo al pubblico

La plafoniera Xiaomi Yeelight è in vendita su GearBest al prezzo di 72 euro.

– su macitynet.it Recensione Xiaomi Yeelight, la plafoniera LED connessa

Recensione Xiaomi Yeelight, la plafoniera LED connessa
Vota il post
Recensione Xiaomi Yeelight, la plafoniera LED connessa ultima modifica: 2019-01-13T11:49:12+00:00 da Antonio Pechiar