L’Italia è fuori dai 16 paesi leader che favoriscono l’innovazione

In occasione del discorso sullo Stato del settore tenuto dalla Consumer Technology Association (CTA) al CES 2019, la CTA ha annunciato i nomi dei 16 Paesi, tra i 61 valutati, leader nel mondo nel creare le migliori condizioni per l’innovazione, sulla base dei suoi nuovi criteri 2019 International Innovation Scorecard. I Paesi che quest’anno figurano ai primi posti sono: Australia, Canada, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Israele, Lussemburgo, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Regno Unito, Singapore, Stati Uniti, Svezia e Svizzera.

Nel corso dell’intervento di apertura della CTA, Mona Keijzer, Segretario di stato per gli affari economici e la politica climatica dei Paesi Bassi, Liam Fox, Segretario di stato per il commercio internazionale del Regno Unito e Mailis Reps, Ministro dell’Istruzione e della Ricerca estone, sono saliti sul palcoscenico per ricevere da Gary Shapiro, Presidente e Amministratore delegato della CTA, i riconoscimenti Innovation Champion a nome dei rispettivi Paesi. L’Italia non è nell’elenco della CTA con i Paesi leader nel favorire l’innovazione

“Queste nazioni, sono leader di prim’ordine nel favorire l’innovazione” ha commentato Shapiro. “Quando si tratta di tecnologia e linee politiche, si rilevano diropomenti innovatori”. “Per essere leader nell’innovazione, le nazioni devono abbandonare norme protezionistiche e mettere fine a ostacoli che limitano la possibilità di far nascere la prossime grandi startup che cambieranno il mondo in meglio”.

L’Italia non è nell’elenco della CTA con i Paesi leader nel favorire l’innovazione

Tra gli Innovation Champions di quest’anno ci sono Germania e Israele. La Germania è salita ai livelli più elevati della classifica grazie a politiche che hanno favorito lo sviluppo di nuove imprese e all’accesso diffuso a sistemi/servizi di telecomunicazione. In Israele oltre la metà (51.5%) della sua forza-lavoro sono impiegati in lavori altamente qualificati, e quasi la metà (46.8%) degli studenti universatari vanta una laurea nel settore STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) – seconda solo a Singapore – e il 4.3% del suo prodotto interno lordo va a ricerca e sviluppo, più di qualsiasi altra nazione nella Scorecard.

I Paesi indicati come “Innovation Champions” tipicamente superano le altre nazioni in termini di indipendenza, banda larga, attività imprenditoriale, resilienza, una nuova categoria per misurare fino a che punto il governo di un paese e la sua socità sono sostenibili.

L’Italia non è nell’elenco della CTA con i Paesi leader nel favorire l’innovazione

Altri dettagli emersi: le piccole nazioni tendono a sostenere investimenti in ricerca e sviluppo. Israele e Corea del Sud sono quelle che spendono di più, in proprzione al loro prodotto interno lordo, in ricerca e sviluppo, con oltre il 4%, seguite da Svizzera (3.4%), Svezia (3.3%) e Austria (3.1%). Tenendo conto delle varie nazioni, la velocitè media di download è di 18 mbps, parametro di cui si tiene conto per stilare la classifica.

Otto delle dieci nazioni europee più resilienti, sono state valutate tenendo conto di criteri quali la disponibilità di catene di approvvigionamento e forza delle infrastrutture fisiche per il digitale. Stati Uniti e Cina sono le nazioni che vantano il maggior numero di “unicorni”, le startup valutate più di un miliardo di dollari create negli ultimi 10 anni. Da questo punto di vista gli Stati Uniti guidano il gruppo con 133 aziende, seguita da Cina con 120 e il Regno Unito con 12.

Macitynet è presente al CES 2019 di Las Vegas con i suoi inviati per offrire ai lettori reportage, articoli, fotogallerie e video delle novità in mostra: tutti gli articoli dal CES 2019 si trovano a partire da questa pagina di macitynet.it.

– su macitynet.it L’Italia è fuori dai 16 paesi leader che favoriscono l’innovazione

Vota il post
L’Italia è fuori dai 16 paesi leader che favoriscono l’innovazione ultima modifica: 2019-01-11T23:04:16+02:00 da Antonio Pechiar