iPhone attivi in USA in aumento, ma la crescita è più lenta

L’ultimo rapporto del Consumer Intelligence Research Partners (CIRP) conta circa 181 milioni di iPhone attivi negli Stati Uniti, numero in crescita rispetto alle 176 milioni di unità di metà scorso anno, anche se il ritmo cala.

L’analisi CIRP indica che la base di iPhone in USA ha raggiunto 181 milioni di unità a partire dal 29 Settembre scorso, con una crescita del 3% nel 3° trimestre di quest’anno, un buon 14% su base annuale. Mentre si tratta comunque di una crescita significativa, questa tende a frenare, o meglio a stabilizzarsi.

A titolo di confronto, un anno fa la base installata di iPhone negli Stati Uniti era cresciuta del 4% rispetto al trimestre precedente, e del 17% rispetto all’anno precedente. Il CIRP stima che i nuovi modelli disponibili nel Q3 hanno rappresentato un quarto del totale di iPhone attivati. In particolare, i nuovi modelli di iPhone (XS, XS Max, 8, 8 Plus e X) hanno rappresentato 45 milioni di unità, il 25% del totale di iPhone negli Stati Uniti.

iPhone attivi in USA in aumento, ma la crescita è più lenta

Questo includono 2 milioni di iPhone XS e XS Max venduti negli ultimi dieci giorni del trimestre. I modelli di iPhone più vecchi (6S, 6S Plus, e precedenti) contano 75 milioni, o il 41% del totale degli iPhone installati negli Stati Uniti, come nota anche 9to5mac.

L’ iPhone XR non rientra in questi studi, ma l’azienda è ottimista circa le sue prospettive. Gli analisti non sono d’accordo sulle probabili vendite di iPhone XR, ma gli investitori sono rimasti relativamente delusi rispetto alle voci che riportano una  Apple che sembra aver ridotto le prospettive di produzione.

L recensioni di iPhone XR sono state estremamente positive, e la stagione natalizia in arrivo potrebbe ancora riservare delle sorprese e modificare i dati ultimi appena diffusi.

– su macitynet.it iPhone attivi in USA in aumento, ma la crescita è più lenta

iPhone attivi in USA in aumento, ma la crescita è più lenta
Vota il post
iPhone attivi in USA in aumento, ma la crescita è più lenta ultima modifica: 2018-11-14T15:34:24+00:00 da Antonio Pechiar