Intel promette le CPU da 10nm per il 2019

Da qualche tempo circolano voci secondo le quali Intel ha riscontrato delle difficoltà nella produzione di chip con tecnologia a 10nm e che per la produzione di chip in grandi quantità sarà necessario attendere il 2019

Da qualche tempo circolano voci secondo le quali Intel ha riscontrato delle difficoltà nella produzione di chip con tecnologia a 10nm e che per la produzione di chip in grandi quantità sarà necessario attendere il 2019. Le linee produttive a 14nm non bastano a garantire la produzione di tutti i prodotti dell’azienda per via del posticipo dei 10nm e qualche settimana addietro è circolata voce di un accordo con TSMC per la produzione di alcuni chipset della serie 300 sui 16nm.

Bob Swan, direttore finanziario e attuale CEO ad iterime di Intel, in una lettera aperta evidenzia la crescita dell’industria di settore nella prima metà dell’anno, sottolineando l’esplosione di dati nonché della necessità di elaborare, memorizzare, analizzare e condividere che sta spingendo l’innovazione e un’incredibile richiesta di prestazioni di calcolo nel cloud, nelle reta e nel settore enterprise”. Swan spiega che, di fatto, le attività data-centriche di Intel sono cresciute del 25% fino a giugno e i ricavi dal settore cloud del ben 43% nei primi sei mesi. Il manager spiega ancora che le attività del settore PC sono in salute e che nel secondo trimestre, per la prima volta in sei anni, c’è stata una crescita. Swan riferisce di aspettarsi una crescita modesta nella domanda globale del mercato PC per la prima volta dal 2011 guidata da una vivace domanda nei settore gaming e sistemi commerciali.

Apple non utilizzerà il modem 5G di Intel nei futuri iPhone 2018

Per quanto riguarda le sfide che attendono l’azienda, il manager riferisce che prioritaria è la produzione di processori Xeon e Intel Core al fine di servire congiuntamente i segmenti ad alte prestazioni del mercato. “Ciò detto, l’approvvigionamento è indubbiamente ridotto, particolarmente per quanto riguarda il mercato PC entry-level”. “Riteniamo di avere approvvigionamenti per soddisfare le previsioni dell’intero esercizio annunciate a luglio, superiore di 4.5 miliardi di dollari rispetto alle aspettative di gennaio”.

Intel fa sapere di stare investendo 15 miliardi di dollari di spese in conto capitale per il 2018. Un miliardo di dollari è stato speso per le strutture produttive che si occupano dei 14nm e che trovano in Oregon (Arizona), Irlanda e Israele. Questo investimento dovrebbe migliorare l’efficienza produttiva e rispondere all’accresciuta domanda.

Secondo Swan, Intel ha fatto progressi nella tecnologia di produzione a 10nm. La resa produttiva è migliorata e di aspettarsi la produzione in volume per il 2019.

“Vogliamo creare prodotti grandiosi” dice ancora il manager e “portare a termine solidi risultati”. Intanto la crisi di sottoproduzione che ha colpito Intel rischia di colpire anche gli utenti, con aumenti di prezzi per le CPU. Il sito Guru3D ha evidenziato nei giorni passati una crescita dei prezzi di listino delle CPU Intel con aumenti medi del 30% e punte anche più elevate per varianti quali Core i5-8400 e Core i3-8100.

– Click qui per l’articolo originale con commenti >> Intel promette le CPU da 10nm per il 2019

Intel promette le CPU da 10nm per il 2019
Vota il post
Intel promette le CPU da 10nm per il 2019 ultima modifica: 2018-10-01T09:13:51+00:00 da Antonio Pechiar