Apple Watch: le cinque cose che non ve lo faranno comprare

Inutile girarci attorno, Apple Watch non è solo il più potente degli smartwatch in commercio, è anche un modello bellissimo da tenere al polso. E, come abbiamo sottolineato nell’articolo precedente sulle cinque cose che ci piacciono di più, anche molto utile.

Ma non è tutt’oro quello che luccica e dopo quattro anni sono ancora molte le cose da migliorare: non ce ne voglia Apple, non è questa una presunzione assoluta, perché sappiamo che il lavoro è tanto e non vuole diventare una critica secca ma una considerazione d’obbligo da chi gli smartwatch sul mercato li ha provati quasi tutti.

Che cos’è Apple Watch Nike+ e cosa cambia dal classico Apple Watch
Apple Watch, qui in versione Nike+

La limitazione ad iPhone

Molto del fascino di Apple Watch è dovuto all’affinità con iPhone, una sinergia che in alcuni momenti è quasi magica e che rende l’esperienza unica.

Ecco, unica appunto: al momento è un sogno e non vediamo spiragli in merito ma secondo noi sono molti gli utenti Android che vorrebbero poter usare un Apple Watch, perlomeno con il loro iPad (se non con un Samsung Galaxy, un OnePlus 6 o oppure un Oppo Find X). Oggi questa esperienza è possibile, ma molto limitata

Capiamo che le difficoltà per rendere davvero compatibile Apple Watch con Android sarebbero enormi e le potenzialità non pari a quelle con iPhone, perché i mondi sono così diversi che un semplice porting è fuori discussione, ma di certo aprirebbe una nuova era con Apple che di fatto passerebbe da protagonista a dominatrice del mercato.

Ecco i volti dei primi acquirenti di iPhone XS e Apple Watch 4
Come tutti i prodotti Apple, anche Apple Watch offre una esperienza d’uso molto bella, che vorremmo vedere anche sul mondo Android, seppur limitata in alcune parti

La gestione che ne fa iPhone

Altra nota dolente, perlomeno per chi scrive, è la gestione dei dati che arrivano da Apple Watch su iPhone: l’idea di Apple è quella di creare un flusso continuo di informazioni nelle quali l’utente si concentra più sul trend che sul dato in sé, ma ogni volta che un utente Apple Watch si trova a valutare le proprie prestazioni con utenti di altri smartphone è inevitabilmente in difficoltà (a meno di non usare App e servizi di terze parti, come il bellissimo Nike+).

Dentro iPhone ci sono una App per le preferenze di Apple Watch, una seconda per il movimento e una terza per la raccolta dati fisici: da un lato sono davvero troppe, dall’altro paradossalmente manca la possibilità di valutare tutti i dati nello schermo del proprio Mac o PC Windows, magari tramite iCloud.

Anche Android è un po’ dispersivo a dire la verità, per motivi un po’ diversi ma altri nomi molti importanti come Fitbit, Garmin o SUUNTO riescono a fare tutto questo con una sola App e con una chiarissima interfaccia web, dove trovare il singolo dato è davvero facile e immediato.

NON PUBBLICARE articolo per matteo
Alcune schermate del software di Apple Watch su iPhone: sarebbe bello avere tutti i dati in modo più sintetico, invece che distribuiti in tre App, e magari disponibili anche tramite una interfaccia web, consultabile da Mac tramite iCloud

La parte sportiva poco avanzata

Che Apple Watch non sia un prodotto per chi fa sport agonistico è risaputo: lo sanno gli utenti (che preferiscono marchi come Casio e Fitbit ma soprattutto Garmin o SUUNTO) e lo sa Apple, che preferisce concentrarsi sul concetto di orologio smart per tutti i giorni.

Però un modello più sportivo non sarebbe male: con una cassa rivista per essere più resistente agli urti e graffi, con un software rivisto per meglio adattarsi alle esigenze di chi fa sport per davvero.

In parte Apple ci ha pensato con la versione di Apple Watch Nike+, che però ci sembra limitata alla corsa quando sono molti altri gli sport da esplorare in modo più serio.

NON PUBBLICARE articolo per matteo
la sinergia tra Apple e Nike è molto bella (qui nell’App per iPhone) ma è limitata alla corsa, sarebbe bello avere altre proposte del genere su diversi sport

Il display rettangolare

Tutti gli Apple Watch hanno lo stesso schermo rettangolare, pur con dimensioni diverse: questa scelta, all’inizio, ha permesso una forte ottimizzazione di tutte le risorse, perché i tutti display sono identici per forma ma con inevitabili compromessi dal punto di vista del design.

Quando Motorola presentò il proprio smartwatch circolare, prima impensabile, ci fu molto rumore attorno a questa scelta, coraggiosa sia per quanto riguarda la costruzione che nel design. Oggi molti marchi lo fanno, ma questo non lo rende più semplice e non sono pochi gli utenti che apprezzano avere un display rotondo al polso.

Apple Watch 4, le prime 48 ore

Le faces digitali

Tra le facce di Apple Watch ce ne sono di bellissime, alcune che sembrano quasi magiche per la suggestione delle animazioni: ma facendo una classifica, quelle più belle sono tutte analogiche (con le lancette) mentre tra quelle con visualizzazione digitale (con i numeri) non ce n’è una che offra lo stesso fascino e questo è un peccato perché spesso parte della praticità di un Apple Watch è anche quello di avere l’ora chiara e visibile sempre, con un comodo gesto del polso.

In futuro ci auguriamo che l’attenzione per le faces digitali sia almeno pari a quelle analogiche, come fanno altri marchi (Fitbit, ad esempio, propende per la visualizzazione digitale).

NON PUBBLICARE articolo per matteo
Quasi magici le nuove Faces per Apple Watch, ma la cura per la parte analogica è quasi totale e Apple tende a trascurare la visualizzazione digitale

Su macitynet.it trovate tutte le notizie su Apple Watch 4, come anche dei nuovi  iPhone XS, iPhone XS Max, iPhone XR e in generale sugli iPhone 2018.

– Click qui per l’articolo originale con commenti >> Apple Watch: le cinque cose che non ve lo faranno comprare

Vota il post
Apple Watch: le cinque cose che non ve lo faranno comprare ultima modifica: 2018-10-06T18:04:52+02:00 da Antonio Pechiar