Sbloccata la doppia SIM sui nuovi iPhone. È ora che i gestori telefonici italiani si diano una mossa e ce la facciano usare

Apple ha lanciato il guanto di sfida agli operatori italiani sulla dual-SIM, ovvero la possibilità di far convivere su un terminale due numeri, aggiungere un piano dati per un altro paese oppure avere piano telefonico e dati separati.

Da ieri, grazie all’ultimo aggiornamento software iOS 12.1, su iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR non c’è più il “lucchetto” alle SIM. Com’era stato anticipato in sede di presentazione stampa, la nuova linea smartphone è dotata sia di uno slot per una SIM fisica che di un chip che ne virtualizza un’altra – detto appunto e-SIM (electronic SIM).

In pratica, d’ora in poi sarebbe possibile far convivere utenze o servizi di fornitori diversi sullo stesso terminale. Il condizionale è d’obbligo poiché solo alcuni operatori di vari paesi hanno siglato un accordo con l’azienda. È il caso di Vodafone España, T-Mobile in Germania, Repubblica Ceca e Austria, EE nel Regno Unito, AT&T negli Stati Uniti, etc. In Italia Vodafone è l’unica a fornire la compatibilità con l’e-SIM, ma solo sugli smartwatch Apple Watch 3 e Watch 4.

La modalità di attivazione è per altro semplice. Chiunque può accedere alla voce “Impostazioni” del terminale, selezionare “Cellulare” e poi “Aggiungi piano cellulare”. Dopodiché sullo schermo compare una classica cornice di scansione per codice QR – quella sorta di codice a barre a forma di quadrato sempre più diffuso su riviste, su alcune confezioni e sotto forma di vetrofonia nei negozi.

Volendo si può scegliere anche di inserire manualmente le informazioni di attivazione, ma in ogni caso si tratta sempre di informazioni che può fornire solo il gestore telefonico.

La sintesi è che è tutto pronto. Mancano all’appello solo gli operatori italiani. E il motivo è risaputo. Questa libertà concessa ai consumatori non piace e non è “compatibile” con le attuali strategie commerciali – al netto di problemi tecnici, comunque già ampiamente superati all’estero.

La selezione à la carte dei servizi più congeniali e concorrenziali sarebbe un dito in un occhio per l’industria delle telecomunicazioni. Gli operatori puntano su pacchetti tutto-incluso e vogliono competere “fuori” dai terminali, sfruttando campagna pubblicitarie, telemarketing e negozi.

L’unica buona notizia per i consumatori è che il salto tecnologico – per altro facilmente replicabile nel tempo da ogni produttore di telefoni – si è già compiuto. Resta da capire solo quando i gestori decideranno di concederci l’uso di questa comodissima innovazione.

L’articolo Sbloccata la doppia SIM sui nuovi iPhone. È ora che i gestori telefonici italiani si diano una mossa e ce la facciano usare proviene da Il Fatto Quotidiano.

Sbloccata la doppia SIM sui nuovi iPhone. È ora che i gestori telefonici italiani si diano una mossa e ce la facciano usare
5 (100%) 1 vote
Sbloccata la doppia SIM sui nuovi iPhone. È ora che i gestori telefonici italiani si diano una mossa e ce la facciano usare ultima modifica: 2018-10-31T13:04:34+00:00 da Antonio Pechiar