Mario Balotelli, lo sfogo contro i razzisti su Instagram: “Siete la parte malata del mondo. Vi meritate di vivere soli”

“Voi razzisti meritate una cosa sola: di vivere una vita soli! Senza nessuno che vi pensi, senza mancare a nessuno e andarvene un giorno senza essere ricordati”. Così Mario Balotelli si è sfogato in una storia di Instagram, dicendo basta ai molteplici insulti razzisti che ogni giorno gli arrivano via social.

“Siete voi la parte malata del mondo – ha continuato l’attaccante del Nizza – Avete rotto il ca…Ditemele in faccia queste cose, vediamo se lo schermo del computer o del telefono vi proteggerà ancora”.  Il riferimento è ai messaggi degli haters che il calciatore ha condiviso con i suoi followers in alcune storie precedenti. “Scimmia di merda sciacquati la tua bocca da negro quando parli di un ministro della Repubblica”, si legge in uno di questi. O ancora: “Quanto fai schifo, usi il razzismo e le sofferenze di milioni di negri per pulire l’immagine di ciò che sei: uno stupido miserabile negretto arricchito“.

Il campione ha poi concluso: “Non mi scrivete ora ‘lasciali perdere’. Perché no! No e no! Basta. Basta. Questi non sono argomenti su cui sorvolare”. Infine, in un’ultima storia, rivolgendosi ai suoi seguaci, ha sottolineato: “Voglio solo aggiungere che non tutti sono così e vi ringrazio per i messaggi”.

Non era la prima volta che Balotelli esprimeva le proprie idee sul razzismo. Già lo scorso giugno aveva suggerito al paese di ‘svegliarsi’, consigliando all’Italia di diventare “più aperta, cominciando a integrare le persone che vengono da fuori”.

L’articolo Mario Balotelli, lo sfogo contro i razzisti su Instagram: “Siete la parte malata del mondo. Vi meritate di vivere soli” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Mario Balotelli, lo sfogo contro i razzisti su Instagram: “Siete la parte malata del mondo. Vi meritate di vivere soli”
Vota il post
Mario Balotelli, lo sfogo contro i razzisti su Instagram: “Siete la parte malata del mondo. Vi meritate di vivere soli” ultima modifica: 2018-11-10T19:04:44+00:00 da Antonio Pechiar