Maltempo, l’Italia è senza un servizio meteo nazionale civile. Dopo vent’anni di rimandi nascerà (forse) nel 2019

L’Italia è uno dei pochi Paesi a non avere un servizio meteorologico nazionale civile. Tutti lo aspettano da sempre e chi governa lo ha messo in cantiere da venti anni, ma dal 1998 al 2017 si è andati avanti a colpi di rimandi continui. Ora, mentre si contano i danni della forte ondata di maltempo, all’orizzonte si intravedono i segni di novità positive. L’agenzia pubblica ItaliaMeteo, la cui creazione era prevista nella legge di Bilancio dello scorso anno, potrebbe infatti entrare presto in funzione. Finora il suo ruolo è stato svolto in sostituzione dall’Aeronautica militare, mentre nel 2019 potremmo avere un centro unico di coordinamento di servizi meteo per tutti i settori civili in aggiunta al lavoro fatto dalla Protezione civile sul fronte dei rischi naturali. Durante l’ultimo congresso dell’Associazione italiana di scienze dell’atmosfera e meteorologia (Aisam) a settembre 2018, infatti, il presidente del Centro euromediterraneo per i cambiamenti climatici, Antonio Navarra, ha detto chiaramente che il primo gennaio 2019 potrebbe essere la data di nascita ufficiale dell’agenzia.

Un passo in avanti importante in un sistema che però, sottolinea il presidente dell’Aisam, Dino Zardi, già funziona. Se infatti lo studioso del Cnr Franco Prodi in un’intervista al quotidiano il Mattino si è spinto a dire che “il sistema di previsione italiano è completamente allo sbando“, l’Aisam ci tiene a smarcarsi. “A titolo personale, e a nome dell’associazione che rappresento, mi dissocio completamente, nella forma e nei contenuti, dall’intervista rilasciata dal professor Franco Prodi. In Italia le previsioni offerte dai servizi preposti sono già molto accurate e i dati climatici sono disponibili”, dice Zardi, docente dell’università di Trento, a ilfattoquotidiano.it.

Un sistema frammentato
Oggi, a occuparsi delle previsioni a livello nazionale è il Servizio Meteo dell’Aeronautica militare che però, sottolinea Carlo Cacciamani, responsabile del Centro funzionale nazionale della Protezione civile, “ha il compito specifico di istituto di occuparsi dell’assistenza meteo al volo aereo“. Un coordinamento unico esiste a livello proprio della Protezione civile per la prevenzione dei rischi naturali, con il progetto anche di unificare il sistema di comunicazione, come raccontato da ilfattoquotidiano.it a settembre scorso.

Negli altri ambiti, però, non c’è un servizio di previsioni meteo unico per tutta l’Italia, da cui invece potrebbero arrivare vantaggi significativi a partire dalla gestione dei servizi pubblici. “Si pensi al beneficio che potrebbero avere gli agricoltori nel ricevere moderni servizi a supporto dell’agricoltura, sia per le pratiche in campo, tipo la definizione ottimale dei periodi di semina e di raccolta delle colture, sia per la pianificazione della produzione a breve, medio e lungo termine. Si pensi ai trasporti, sia stradali che ferroviari e marittimi, e quanto potrebbe risultare essenziale la disponibilità di dati e previsioni dettagliate di neve, ghiaccio sulle strade o sulle ferrovie“, ha scritto Cacciamani qualche mese fa sul giornale della Protezione civile.

Dieci anni di rimandi
La creazione di un sistema unico viene sollecitata da anni da scienziati, associazioni e industria. Concretamente se ne parla da un decennio, ma fino all’anno scorso tutto si è fermato a leggi e decreti rimasti nei cassetti dei palazzi di governo. Prevista inizialmente nel 1998, l’istituzione del Servizio meteorologico nazionale è stata rinnovata da una legge nel 2012. Per avviarlo sarebbe stato necessario un decreto predisposto dalla Protezione civile ed emanato dal Presidente della repubblica, passando attraverso il Consiglio dei ministri. Ma se la prima ha rispettato il proprio compito, il testo si è subito fermato all’anello successivo. “Non è facile fare una diagnosi precisa dei ritardi, forse è mancata la vera volontà a livello centrale di intraprendere un percorso coraggioso”, spiega Zardi.

Dopo cinque anni di limbo, nella legge di Bilancio 2017 si è tornati a parlare del tema, prevedendo la nascita dell’agenzia ItaliaMeteo. Dunque tutto risolto? Non ancora, ma secondo gli scienziati che si occupano di meteorologia in Italia siamo sulla buona strada. A giugno il premier ha nominato il comitato di indirizzo di 13 esperti pubblici che dovranno scrivere le linee strategiche e approvare lo statuto dell’agenzia: le regole minime insomma per renderla operativa. “Si sta lavorando con grande entusiasmo e spirito di collaborazione per raggiungere questo traguardo fondamentale e dotare finalmente il paese di un servizio meteo nazionale che possa raggiungere standard competitivi con le altre realtà europee”, spiegano dall’Associazione italiana di scienze dell’atmosfera e meteorologia.

Se per veder muovere qualcosa ci sono voluti dieci anni, adesso Zardi ipotizza che “dal prossimo anno, quando l’Agenzia ItaliaMeteo sarà pienamente operativa, potremo avere finalmente una struttura di coordinamento unica e servizi climatici nuovi e più efficienti. La legge di Bilancio 2017 ha stanziato dei fondi ed è una novità molto positiva, anche se bisogna dire che al momento siamo ancora molto lontani dalle risorse che Paesi come Francia, Gran Bretagna e Germania investono nella meteorologia”.

Un argine al sensazionalismo
Non si tratterà comunque di ripartire da zero, ma piuttosto di coordinare e integrare quello che già c’è di buono, considerando che a livello locale e regionale molti servizi sono presenti. La speranza degli osservatori è di arrivare anche a previsioni migliori di quelle attualmente disponibili su molti siti online. “Oggi chiunque può improvvisarsi meteorologo sfruttando l’interesse delle persone verso le previsioni. La nascita dell’agenzia aiuterà sicuramente anche su questo fronte. A mio avviso servirebbe comunque anche un ordine professionale, in modo che la professione sia regolamentata al pari dei medici o degli avvocati”, dice Zardi a ilfattoquotidiano.it.

Un allarme sulle previsioni meteo imprecise era stato lanciato nel luglio 2016 anche dagli imprenditori della Fipe-Confcommercio, a seguito di un fine settimana di magra per piogge annunciate ma mai verificatesi: “È tempo di dire basta ai professionisti improvvisati della meteorologia e al circolo vizioso del sensazionalismo. Serve al più presto l’istituzione di un servizio meteo nazionale”, aveva detto il vicepresidente vicario Aldo Maria Cursano, arrivando a minacciare cause legali per procurato allarme.

L’articolo Maltempo, l’Italia è senza un servizio meteo nazionale civile. Dopo vent’anni di rimandi nascerà (forse) nel 2019 proviene da Il Fatto Quotidiano.

Maltempo, l’Italia è senza un servizio meteo nazionale civile. Dopo vent’anni di rimandi nascerà (forse) nel 2019
Vota il post
Maltempo, l’Italia è senza un servizio meteo nazionale civile. Dopo vent’anni di rimandi nascerà (forse) nel 2019 ultima modifica: 2018-10-31T10:04:23+00:00 da Antonio Pechiar