Asi, M5s di traverso e la Lega deve rivedere i piani per lo spazio: il generale Preziosa si allontana dalla presidenza

Martedì presidente in pectore, sabato fuori dai giochi. Il processo di avvicinamento del generale Pasquale Preziosa alla presidenza dell’Agenzia spaziale italiana si è fermato a un passo dal traguardo. Secondo quanto risulta a ilfattoquotidiano.it, le ambizioni dell’ex capo di stato maggiore dell’Aeronautica militare di prendere il posto del silurato Roberto Battiston sono la prima vera vittima delle tensioni interne al governo sulla questione della politica spaziale. Il motivo? Il Movimento 5 Stelle si è messo di traverso. Una posizione nata non solo per questioni di metodo. Se subito dopo la notizia della cacciata di Battiston i grillini avevano puntato sulla non condivisione della scelta per criticare la decisione del Miur a trazione leghista, con il passare delle ore è stato proprio il nome di Preziosa ad alimentare non pochi malumori all’interno del M5s governativo. La linea ufficiale: accusare Bussetti e Giorgetti di aver militarizzato lo spazio, creando un asse tra Preziosa capo dell’Asi e l’ammiraglio Missagli segretario del Comitato interministeriale. A molti, però, non è sfuggito il silenzio assoluto del ministero della Difesa, che avrebbe potuto e forse dovuto rivendicare la bontà della scelta in virtù del profilo di altissimo livello di entrambi gli alti ufficiali in questione.

IL SILENZIO DEL MINISTRO TRENTA
Non sono pochi, in un quadro del genere, a sottolineare che sia stata proprio la ministra Trenta a non gradire Preziosa al posto di Battiston, a quanto pare per motivi non strettamente legati a dinamiche militari. O forse troppo. Il riferimento è al processo che ha visto imputato (e poi assolto con formula piena) Preziosa dall’accusa di “reato continuato di minaccia a un inferiore a fare un atto contrario ai propri dovere”. Secondo l’accusa, nel 2014 il generale ha fatto pressioni sul direttore dell’Istituto di medicina aerospaziale Domenico Abbenante, con l’obiettivo di non concedere l’idoneità di volo al generale Carlo Magrassi, che all’epoca era in corsa per diventare segretario generale della Difesa. Il processo si è concluso con un nulla di fatto (ma Abbenante ha ricorso in appello) e successivamente Magrassi è stato comunque nominato segretario generale della Difesa e direttore nazionale armamenti. Un ruolo, quest’ultimo, abbandonato a ottobre, con Elisabetta Trenta che lo ha scelto come suo consigliere per la politica industriale. Chi era il capo della segreteria di Magrassi quando quest’ultimo era segretario generale della Difesa? Il capitano dell’esercito Claudio Passarelli, marito della ministra Trenta, che a giugno lo ha trasferito per evitare l’accusa di conflitto di interesse. Da questi dati di fatto nasce il ragionamento di chi vorrebbe proprio il ministro della Difesa tra i più scontenti per la nomina di Preziosa, ovvero il nemico giurato del suo consigliere per la politica industriale.

VERSO IL COMMISSARIAMENTO
Che il cambio al vertice dell’Asi non fosse pratica così semplice, del resto, era nell’aria. Lo si era capito da un elemento non di poco conto: il ministro Bussetti non ha mai firmato un atto ufficiale di revoca dell’incarico a Battiston. Come si risolve l’impasse? Secondo fonti interne al Miur, nei primi giorni della prossima settimana, il ministro provvederà a nominare un commissario straordinario per gestire l’interregno. Si tratterà di un commissario che avrà un incarico non lungo (dai due ai quattro mesi), con l’obiettivo di garantire serenità e trasparenza all’Agenzia fino a quando la politica non avrà trovato la quadra. Per questo motivo, gli addetti ai lavori hanno fatto notare che il commissario non potrà essere un militare né un tecnico (ad esempio un professore di astrofisica), bensì un uomo di legge, magari specializzato in diritto amministrativo. Di certo il suo ruolo non contemplerà la possibilità di diventare successivamente presidente dell’Asi. Una partita, questa, non solo riaperta ma ancora tutta da giocare.

LA STRATEGIA DEL MOVIMENTO 5 STELLE
In attesa di conoscerne il risultato, la certezza è che il Movimento 5 Stelle ha deciso di scendere in campo. Come? Gli esperti del settore indicano due possibili strade: una di rottura con la Lega (al momento poco probabile), l’altra più ragionevole poiché orientata al riequilibrio di potere con il Carroccio. Nel primo caso il premier Conte potrebbe decidere di revocare la delega che consente a Giorgetti di presiedere il Comitato interministeriale per l’aerospazio. Lo consente la legge n.7 del 2018 (quella che ha creato il comitato e cambiato la natura stessa dell’Asi), lo potrebbe far pensare il curriculum del presidente del Consiglio, che nel 2011 ha fatto pare del cda dell’agenzia con l’obiettivo di riscriverne lo statuto. Così facendo, il M5s prenderebbe di fatto il controllo del settore, ma si creerebbe una spaccatura difficilmente sanabile con gli alleati di governo, che potrebbe portare addirittura alla caduta dell’esecutivo. Al momento un quadro francamente impensabile. La seconda ipotesi, invece, prevede un contrappeso pentastellato all’interno del settore, con la nomina di un consigliere tecnico in quota 5 Stelle a fare da contraltare al ruolo e all’attivismo di Stefano Gualandris, il leghista con conflitto di interesse potenziale voluto da Giorgetti al suo fianco nel Comitato interministeriale.

IL FUTURO DELL’ASI
L’organismo politico, del resto, è divenuto il vero centro di potere del settore aerospaziale dopo l’entrata in vigore della legge numero 7 del 2018. Una norma che in concreto ha tolto al Miur il controllo dell’Asi, che al momento non può più essere definito un ente di ricerca nel senso classico del termine proprio perché deve rendere conto al Comitato interministeriale. Quindi a un organo politico. La perdita di potere dell’Agenzia è nei fatti, tanto che alla prima riunione del Comitato Battiston non era neanche stato invitato. Tra gli attenti osservatori del settore, inoltre, circola una lettura secondo cui i partiti di governo sarebbero pronti a replicare con l’Agenzia spaziale ciò che è stato fatto con il Coni: lo svuotamento delle competenze (decisionali ma soprattutto di spesa) dell’ente e la conseguente creazione di una nuova partecipata statale deputata a gestire i fondi pubblici dedicati (per lo spazio si parla di quasi 2 miliardi di euro all’anno). Come raccontato da Il Fatto Quotidiano, è già accaduto con la nascita della ‘Sport e Salute spa‘, direttamente alle dipendenze dell’esecutivo, da cui passerà il 90% dei fondi. Compresi quelli per le Federazioni, fino a qualche mese fa gestiti direttamente dal Comitato del presidente Malagò. Per quanto riguarda lo spazio, non è dato sapere se questo tipo di disegno sia sul tavolo o quantomeno nelle idee di chi governa. Di certo se ne parla, e molto, tra chi conosce bene le dinamiche del settore.

IL PASSATO DELL’ASI
Un argomento che fa il pari con le indiscrezioni di stampa relative alla gestione Battiston, che ieri è stato ricevuto in visita ufficiale dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Secondo quanto raccontato dal quotidiano La Verità, da gennaio 2018 fino alla rimozione il presidente dell’Asi ha governato l’agenzia all’insegna dei decreti: ben 42, molti dei quali d’urgenza. Una pratica contestata aspramente nel metodo e nel merito dai revisori dei conti, che hanno messo sulla graticola i prolungamenti biennali di alcuni ricercatori, la nomina di ben dieci commissioni valutatrici (dai contratti alle iniziative aziendali), i rimborsi forfettari per il telelavoro e alcune assunzioni a tempo determinato, tra cui quella di un ingegnere messo sotto contratto il primo gennaio, ovvero a Capodanno. Un’urgenza – sottolinea il giornale di Belpietro – che suscita “perplessità” in chi ha dovuto fare le pulci alle decisioni dell’astrofisico presidente.

PARLA LO “SCIENZIATO” BATTISTON
Dal giorno della sua cacciata ad oggi, il professor Battiston ha preferito non rilasciare nessuna dichiarazione pubblica, trincerandosi in un basso profilo rotto solo dalle dichiarazioni di rito post incontro con Mattarella. Secondo quanto risulta a ilfattoquotidiano.it, però, l’attesa di chi vuole conoscere la versione dei fatti dell’ex presidente è finita. Domani, infatti, l’astrofisico è annunciato a sorpresa al Museo della Scienza di Milano, dove alle 17 parteciperà (salvo cambiamenti dell’ultim’ora) al fianco dell’astronauta Paolo Nespoli al Focus Live Festival, evento patrocinato anche dall’Asi. “Luna o Marte” la traccia dell’intervento. Luogo e tema non sono casuali, soprattutto a livello comunicativo: il professore cacciato dalla politica “per fare spoil  system” parlerà da scienziato. Ma c’è chi assicura che non si asterrà dal trattare anche i motivi politici del suo siluramento. Come dire: argomento spaziale, voglia di rivalsa terrena.

L’articolo Asi, M5s di traverso e la Lega deve rivedere i piani per lo spazio: il generale Preziosa si allontana dalla presidenza proviene da Il Fatto Quotidiano.

Asi, M5s di traverso e la Lega deve rivedere i piani per lo spazio: il generale Preziosa si allontana dalla presidenza
Vota il post
Asi, M5s di traverso e la Lega deve rivedere i piani per lo spazio: il generale Preziosa si allontana dalla presidenza ultima modifica: 2018-11-10T22:04:45+00:00 da Antonio Pechiar